I Servizi Commerciali al Convegno "Indignazione"

le classi 3A e 4BMercoledì 20 marzo 2019 le classi 3^ A e 4^ B del corso Servizi Commerciali del nostro Istituto si sono recate all'Auditorium di Lavagna per il Convegno "Indignazione" nell'ambito delle Giornate della Legalità delle Scuole 2019. Il tema di oggi è stato Indignazione, un percorso educativo, nato da una poesia di Bruno Tognolini e patrocinato dal Comune di Lavagna con la collaborazione dell'Associazione Libera.

Il commissario straordinario di Lavagna ha aperto il convegno sottolineando il suo compito di ripristinare la legalità nel Comune di Lavagna. Il commissario ha spiegato agli studenti presenti come ci sia il dovere di ricordare chi ha perso la vita nella guerra contro le mafie, come occorra l'impegno quotidiano, ma come sia necessaria anche ed in primis l'indignazione che può nascere solo se le nostre coscienze civiche sono educate e vive. Come ultima cosa ha voluto ricordare che chi sta nella legalità spesso non viene nemmeno ringraziato e viene isolato, ma ciò non deve spaventare i giusti.

Leggi tutto: I Servizi Commerciali al Convegno "Indignazione"

Il Caboto di Santa Margherita Ligure a lezione di canottaggio

un momento dell'allenamentoLe classi della sede associata di Santa Margherita Ligure stanno svolgendo alcune lezioni di Scienze Motorie al circolo canottieri G. Figari dove si stanno allenando al simulatore di remata (remoergometro) e al circuito di forza e resistenza alla macchine isotoniche.

Le sedute di palestra saranno seguite nelle prossime settimane da uscite in barca.

Proff. Carlassarre e Diliberto

Il Caboto alla Conferenza stampa del Concorso "Indignazione"

gli alunni alla conferenza stampaIl Caboto in prima fila alla Conferenza stampa tenutasi nell'Aula Magna dell'Istituto Don Gnocchi di Lavagna per presentare il Concorso "Indignazione" in occasione della Giornata nazionale del 21 marzo contro le mafie. Ha presentato il Concorso la prof.ssa Licia Delucis del Comprensivo di Lavagna.

Una delegazione di studenti delle classi 3^ A e 4^ B indirizzo commerciale, accompagnati dalla prof.ssa Ghiorsi, hanno presentato rispettivamente una fotografia e un video.

Un membro della giuria ha presentato i criteri di valutazione, mentre Marcello Scaglione dell'Associazione Libera ha delineato un interessante intervento dal punto di vista storico.

L' alunno Ehdis Patoshi di 4^ B ha presentato l'idea alla base del video preparato con i compagni.

Il 20 ci sarà il verdetto e il 21 il corteo a Sestri Levante contro ogni tipo di tipo di mafia.

Prof.sse Valeria Ghiorsi e Patrizia Diliberto

Il Caboto alla conferenza "Donne in cammino"

gli alunni alla conferenzaIl Caboto è stato presente alla conferenza "Donne in cammino" con gli alunni di 4^ A, 5^ A e 5^ C accompagnati dal Dirigente scolastico Glauco Berrettoni e dai prof. Belli, Ghiorsi, Pesci e Baldini.

Sono state affrontate tematiche importanti, quali il ruolo sociale della donna. Uomo e donna non sono e non devono essere uguali, ma deve esserci parità di diritti. Le ultime particolari sentenze hanno stimolato la riflessione durante la quale sono intervenuti, oltre alle relatrici presenti, la giornalista del Secolo XIX Pastorelli e il nostro Dirigente Berrettoni.

Certo è che le donne sono sempre in cammino...

Prof.sse Valeria Ghiorsi e Patrizia Diliberto

Al Nautico di Genova la 3^ D per "I giovani ricordano la Shoah"

i ragazzi sul palco presentano il loro videoLunedì 18 marzo alle ore 10.00 presso l'aula magna dell'Istituto Nautico San Giorgio, la classe 3^ D del corso Tecnico-Grafico, accompagnata dai docenti Diliberto, Ingenito, Iudica e Barbieri, ha partecipato all'evento "I giovani ricordano la Shoah", un incontro con le scuole durante il quale gli studenti hanno presentato gli elaborati premiati in occasione della XVII edizione dell'omonimo concorso.

Come tutte le altre scuole, i nostri studenti hanno presentato un video nel quale, grazie a Riccardo Tel che ha eseguito il montaggio, si è cercato di dare vita al libro "Sul filo delle parole", vincitore nazionale del concorso.

Molto importante è stato vedere come le altre scuole, in base all'età degli studenti, abbiano affrontato il tema della Shoah, mettendo in luce gli aspetti più emotivi vissuti dai piccoli o le domande esistenziali poste dai più grandi, fino a comprendere come sia stata l'indifferenza dei più a permettere lo sterminio.

Ci portiamo a casa due parole: una da combattere anche al giorno d'oggi, l'indifferenza appunto, una da vivere concretamente, la speranza.

Prof.ssa Patrizia Diliberto