La classe I D del Corso Tecnico Grafico a Portovenere

Martedì 22 maggio 2018 la classe I D del corso Tecnico Grafico si è recata a Portovenere, accompagnata dai prof.ssi Davide Borzonasca, Giusy Meddis e Renzo Ronconi.

Giornata meravigliosa che ha permesso agli studenti di conoscere uno dei luoghi patrimonio dell'umanità dell'UNESCO e l'area archeologica della villa romana del Varignano, incastonata nell'insenatura protetta de Le Grazie di Portovenere.

I ragazzi hanno potuto ammirare il borgo medievale, con le sue vie strette e le case arroccate sulla scogliera e la famosa Grotta di Byron, cala rocciosa ove il poeta inglese amava ritiriarsi in solitudine per trovare ispirazione poetica durante il suo soggiorno in questa zona avvenuto intorno al 1822. Si sono lasciati ammaliare da un gabbiano molto socievole che si è messo in posa ed ha permesso di farsi fotografare in diverse pose, hanno scoperto la flora e la fauna liguri.

A coronamento di questa visita d'istruzione saranno guidati dal prof. Ronconi a far propria la poesia di Eugenio Montale:

Portovenere

Là fuoresce il Tritone
dai fLutti che lambiscono
le soglie d'un cristiano
tempio, ed ogni ora prossima
è antica. Ogni dubbiezza
si conduce per mano
come una fanciulletta amica.
Là non è chi si guardi
o stia di sé in ascolto.
Quivi sei alle origini
e decidere è stolto:
ripartirai più tardi
per assumere un volto.

A questo link si può visualizzare il bellissimo video della giornata creato da Nicola Bozzano della I D.

Prof.ssa Patrizia Dilberto

Il Caboto firma il logo della Festa del vino di Verici

il logoGli studenti del corso Tecnico Grafico del Caboto, seguiti dalle prof.sse Sabrina D'Isanto e Alessandra Vano, hanno avuto il compito di creare il logo della festa del Vino che si terrà a Verici (Casarza Ligure) dal 23 al 25 maggio 2018.

Il nostro Dirigente Scolastico si è recato sabato 19 maggio 2018 a Verici, accompagnato dalla prof.ssa Annalisa Fornasari, per presentare ai responsabili della manifestazione il nuovo logo che è stat molto apprezzato.

Prof.ssa Patrizia Diliberto

Il Caboto a "Chiavari in fiore"

in stage in CaruggioSabato 19 e domenica 20 maggio 2018 alcuni nostri alunni del corso B hanno partecipato all'organizzazione della manifestazione Chiavari in fiore, nota mostra-mercato di fiori e piante ornamentali.

Complimenti!

prof.sa Patrizia Diliberto

Concluso il Laboratorio visvo letterario "Sui passi di Montale a Chiavari

"...fu così e fu tumulto nella dura
oscurità che rompe
qualche foro d'azzurro finché lenta
appaia la ninfale
Entella che sommessa
rifluisce dai cieli dell'infanzia
oltre il futuro..."

volantino attività

Così è iniziata la nostra avventura attraverso i passi, nonché i ricordi, di Montale: sulle sponde dell'Entella. Il prof. Ronconi ci ha buttati a capofitto direttamente nella mente e negli di occhi di Montale che, attraverso una spiegazione e l'immedesimazione, ha riportato alla vita anche un Entella antico, privo di tutte quelle aggiunte del mondo odierno che oggi oscurano un po' quella che è la sua bellezza. Mentre il professore parlava, seduti sulle sponde del fiume, sembrava quasi che tutti i rumori della civiltà venissero cancellati o sovrastati da colui che invece era il vero e proprio possessore di quel magico, ma trascurato luogo.

"Passata la Madonna dell'Orto e seguiti per pochi passi i portici del centro svoltai poi su per la rampa che conduce all'ospedale e giunsi in breve dove il malato non si attendeva di vedermi..."

Il venerdì successivo, con estrema calma e con occhio attento, abbiamo ripercorso la strada che Montale fece per raggiungere Fadin, suo amico e collega poeta, per dargli un ultimo saluto prima della sua già preannunciata dipartita. Montale descrive perfettamente quella che era la situazione per gli incurabili: stesi al sole, su una terrazza, consci già del loro destino e pure con dei lievi cambiamenti sul loro viso. Persino la parte in cui parla del divino e della divinità risulta sorprendente agli occhi di noi studenti, che riusciamo ad intuire con poche e semplici frasi concetti altrimenti oscuri e complessi: "Anch'essa [la divinità], dunque, avrebbe bisogno di noi? Se è una bestemmia, ahimè, non è neppure la nostra peggiore".

Seduti sulla scalinata ai piedi dell'antico ingresso dell'ospedale di Chiavari, guidati dalle parole del prof. Ronconi, ci risulta chiaro per il nostro futuro che occorra "Essere sempre tra i primi e sapere, ecco ciò che conta, anche se il perché della rappresentazione ci sfugge."

Finiti i preparativi, le uscite, i discorsi e le lezioni di vita, ci siamo dati al duro lavoro, e, grazie all'impegno di tutt,i sono stati creati dei manifesti, e un video rappresentativo dei contenuti del corso, che saranno presentati al Festival della Parola.

Per concludere vorrei dire una cosa puramente personale: corsi come questo hanno qualcosa di speciale, qualcosa di unico.

Giorgio Cuneo 3^ B

Alternanza Scuola-Lavoro: la scelta alternativa del Caboto

gruppoSi è concluso felicemente il progetto alternativo dell'Istituto "G. Caboto" di Chiavari, che ha inteso coniugare una settimana di sport con l'alternanza scuola-lavoro.

Quindici studenti del Caboto, coordinati dai docenti Gabriele Ascione ed Anna Maria Sanguineti, hanno partecipato ad una settimana di sport nel Villaggio Torre del Faro a Scanziano Jonico, in Basilicata.

il Villaggio è situato nei pressi del lido del Comune, in pieno Metapontino,, a ridosso dell'incontaminata pineta di Policoro (oasi WWF), che lo separa dal mare e dalla splendida spiaggia di sabbia fine.

Le lezioni, teoriche e pratiche, sono state seguite sia docenti che dagli studenti: hanno visto alternarsi green volley, frisbee, fitness, zumba, tiro con l'arco, tennis, pallanuoto, calcio e nuoto.

Accanto alle attività sportive, è scatta lì'Operazione Alternanza Scuola-Lavoro, in quanto gli studenti hanno potuto usufruire di interessanti lezioni sulla Comunicazione, su come opera un Ufficio Stampa, sull'Organizzazione di un evento sportivo e sulle strategie di marketing: lezioni quanto mai utili per il settore turistico-aziendale dell'Istituto.

"Gli studenti hanno risposto con entusiasmo a tutte le proposte educativa ed hanno saputo adattarsi alle regole imposte dall'Organizzazione. Questa settimana di sport e convivenza è stata altamente formativa, non solo per i contenuti acquisiti e le attività svolte, ma anche perché ha contribuito a sviluppare capacità di adattamento ed a migliorare la conoscenza reciproca ed il rispetto degli altri."

il Dirigente Scolastico (prof. Glauco Berrettoni)