Trionfo del Caboto alla 4^ edizione del Concorso di Audionarrativa organizzato dall'Associazione Nazionale Ciechi

i vincitoriLa classe 1^ B, 2 alunni della 2^ B, 5 alunni della 5^ B, un'alunna della 3^ B ed un alunno della Casa di Reclusione hanno partecipato anche quest'anno al Concorso di Narrativa "Ascoltami ti racconto una storia", indetto dall'Unione Italiana dei Ciechi e Ipovedenti della Sezione di Chiavari e nato da un'idea di una maestra, Cristina Minerva, diventata non vedente dopo una lunga carriera di insegnante vissuta con entusiasmo e tanta passione.

Il tema chiave, per ogni edizione del Concorso stabilito in tre parole, quest'anno era formato da colore, sorriso, speranza e attorno a queste parole si doveva realizzare il racconto della durata massima di 4 minuti, poi registrato in formato audio.

Lo scopo principale di questo progetto è quello di avvicinare i ragazzi al mondo dei non vedenti ed ipovedenti, di riflettere su questa disabilità per creare una sinergia tra normodotati e disabili della vista, sviluppare una sensibilità specifica verso questo mondo e permettere di accedere alla lettura anche a chi fatica a farlo o non può farlo con il senso della vista.

Gli studenti del nostro istituto, Alessio Pasqualino e Yari Demartini della II B, si sono aggiudicati il Primo Premio.

All'Auditorium San Francesco di Chiavari, grazie alla partecipazione di un nutrito gruppo di sponsor, hanno ricevuto Medaglia d'Oro e premi vari per la composizione del racconto "Il potere dei giovani", incentrato sulle problematiche adolescenziali e sulle difficoltà del passaggio all'età adulta.

Nella medesima occasione, hanno ricevuto una menzione d'onore gli alunni Monica Chiappe e Claudia Coacci, della II B e C.Z. della V della Sezione Carceraria.

Tutti i lavori hanno visto la coordinazione delle docenti Patrizia Diliberto e Valeria Ghiorsi e la disponibilità a registrare i brani e a creare i file audio da parte di alcuni allievi (Luca Ribezzi, Silvia Lagani, Gennaro De Simone, Sophia Kristiansen, Alessio Pasqualino).

prof. Glauco Berrettoni, prof.sse Valeria Ghiorsi e Patrizia Diliberto

Fate clic qui per leggere il racconto vincitore. Buona lettura!!!

Le nostra classi a Nizza per lo scambio culturale “Echange Culturel Italie France"


la terza cVenerdì 5 maggio 2017 le classi 3^ C, 3^ A, 4^ A e 5^ A, accompagnate dai docenti Virginie de Marchant, Francesca La Marca, Stefania Chiesa, Milena Castellacci e Dario De Bello, si sono recate a Nizza per incontrare i corrispondenti francesi del Lycée Thierry Maulnier de Nice, nell'ambito dello scambio culturale "Echange Culturel Italie France" che è iniziato l'anno scorso tramite la piattaforma europea Etwinning.

Ognuno degli studenti coinvolti ha creato un suo profilo con una foto e una descrizione e dopo ha scelto un corrispondente francese. Durante i diversi mesi dello scambio i ragazzi italiani e francesi hanno comunicato con chat personali, chat collettive (chatroom) e forum. Si sono scambiati delle ricette regionali, delle canzoni, delle foto, delle presentazioni su Prezi dei loro quartieri ed hanno fatto dei lavori di gruppo.

Con l'arrivo a Nizza dei ragazzi, lo scambio da virtuale è diventato reale.

La mattinata è iniziata con la visita guidata del centro di Nizza: le "Vieux Nice", il "cours Saleya" con il suo mercato dei fiori e dei sapori, la "Promenade des Anglais", la salita al Castello...

A mezzogiorno, c'è stato l'incontro con i ragazzi francesi nel bellissimo parco "La coulée verte" dove hanno pranzato tutti insieme al sacco sul prato vicino alle fontane. Anche i docenti hanno fatto la conoscenza di due colleghe francesi estremamente simpatiche ed interessanti, con le quali hanno già elaborato nuovi progetti per l'anno prossimo.
la quarta c

Nel pomeriggio le classi 3^ A e 4^ A hanno visitato il museo Chagall mentre la 3^ C ha fatto una caccia al tesoro nel vecchio centro con i suoi corrispondenti e la 5^ A si è lasciata guidare dai compagni francesi alla scoperta della città.

I ragazzi sono rimasti entusiasti e non vedono l'ora di accogliere in autunno le classi francesi a Chiavari.

Alcuni commenti dei nostri alunni lasciati sul forum di Etwinning:

"Nice est vraiment beau et je suis surpris de la diversité des groupes ethniques. La place principale est incroyable et la promenade sans fin. Je retournerais tout de suite sans même penser un instant" (Giovanni 4^ A)

"Nice semblait belle pour moi, il y avait de beaux endroits, je voyais que les Français étaient différents des italiens. J'ai rencontré ma correspondante Anna. Elle était sympa et j'ai été contente d'être en sa compagnie." (Maria 4^ A)

"C'était amusant et excitant, la prochaine fois, je parlerai mieux le français! C'était difficile de communiquer avec les correspondants." Luca (3^ C)

Prof.sse Virginie de Marchant e Patrizia Diliberto

 

9 maggio 2017: gli alunni del Caboto a "Gente di Mare"

Un gruppo di studenti di III B, IV C e V B hanno accompagnato gli oltre 400 bambini degli Istituti Comprensivi del nostro territorio alla dodicesima edizione di Gente di Mare, la manifestazione ideata da Lega Navale di Chiavari e Lavagna e che anche quest'anno si è svolta al porto di Chiavari.

Numerosi gli stand dei diversi mestieri legati al mare - velista, pescatore, sommozzatore, educatore ambientale - di diverse associazioni e delle forze dell'ordine.

I nostri allievi hanno accompagnato i gruppi di bambini presso gli stand, contribuendo alla buona riuscita della manifestazione.

Sabato 13 maggio 2017: la II C anima la Festa in piazza organizzata dal Centro Famiglie Tigullio

gruppo di animatoriNell'ambito del progetto dell'ASL 4 Chiavarese "Crescere bene in adolescenza: prevenzione del fenomeno del bullismo - adolescenti in cerca di equilibrio", un gruppo di studenti di II C ha partecipato alla Festa in piazza organizzata del Centro Famiglie Tigullio sabato 13 maggio 2017 in orario pomeridiano presso la piastra del porto di Chiavari.

Il dr. Alessandro De Leo e la dr.ssa Benedetta Rezzano - ASL 4 Chiavarese (S.C. Comportamenti d'Abuso e Dipendenze) hanno insegnato nei giorni precedenti agli allievi coinvolti l'utilizzo del paracadute, dei trampoli e del biciclo che poi hanno utilizzato durante l'attività con i bambini.

L'attività non sarà limitata a quest'anno scolastico, ma l'idea è quella di promuovere in prospettiva la creazione di un gruppo di studenti (gruppo senior) capace di insegnare "a cascata" - nell'ottica dell'educazione tra pari - agli studenti più giovani aspetti riguardanti l'animazione territoriale. Il gruppo senior, inoltre, verrà traghettato verso altre tematiche quali bullismo, fumo, dipendenze.

Prof.sse Anna Marro e Patrizia Diliberto

Il Robot Nao in II D

naoNell'ambito del progetto "Robotica Educativa", giovedì 11 maggio 2016, il Robot Nao è arrivato nel nostro istituto.

La robotica educativa è uno strumento efficace perché gli alunni si rapportino con i robot e i linguaggi di Informatica, assecondando la loro naturale curiosità e la tendenza del nostro mondo ad entrare sempre di più in contatto con gli strumenti tecnologici più avanzati.

Nao è un robot umanoide usato come strumento nella didattica. Attraverso l'uso della robotica, i ragazzi hanno imparato la programmazione informatica in modo creativo e divertente, affrontando piccoli problemi e sperimentandone nell'immediato la soluzione.

In mattinata gl alunni hanno messo in pratica con Nao le nozioni apprese, programmandolo a parlare, conversare secondo un "copione" preciso e a seguire un determinato percorso.

E' stato molto soddisfacente per i ragazzi di II D vedere eseguire da Nao le informazioni immesse da loro, mentre è stato molto divertente per tutti gli alunni del nostro istituto, vedere Nao camminare per i corridoi come un alunno e dialogare.

Attraverso questa attività laboratoriale si riesce a sviluppare il pensiero computazionale utile ad affrontare non solo il mondo dei computer ma anche problemi legati ad altre discipline.

 

prof.sse Chiara Grino e Patrizia Diliberto